La cucina Molteni Dada è uno dei più prestigiosi marchi di arredo cucina Italiani. La storia è la qualità. L’attenzione e la cura, dietro al marchio in sé, sono una valida spiegazione per i costi. Analizziamo in primis la storia dell’azienda, per poi passare alle sue fattezze attuali.

CUCINA MOLTENI DADA: STORIA DI GRANDI DESIGNER

Dada, è un azienda appartenente al Gruppo Molteni fin dal 1979. É un impresa completamente made in Italy di mobili da cucina di lusso. Grazie alla sua cura del prodotto ha collaborato con personalità del calibro di Michele De Lucchi, Norman Foster, Ferruccio Laviani, Dante Bonuccelli, e molti altri.

L’azienda è nata da angoli e personalità decisamente meno conosciuti. Fondata da Angelo Garavaglia nel 1926 con il nome “Angelo Garavaglia e figli, fabbrica mobili” a Marcallo con Casone (MI) non era altro che un piccolo laboratorio artigiano a conduzione familiare. Dada si occupava alla costruzione di mobili e serramenti. Fin da subito furono chiari il talento e l’occhio attento ai dettagli degli addetti ai lavori. Così l’attività si espanse fino a diventare, negli anni ’50, una fabbrica di mobili e cucine in serie. Di quel piccolo laboratorio di artigianato non restava quasi più nulla, se non la passione e la voglia di lavorare sodo. Ormai, infatti, la struttura era dotata di tutti quei mezzi necessari a diventare un impresa di successo: capannoni industriali e macchinari appositi furono collocati nei pressi dell’antico laboratorio.

DADA ENTRA A FAR PARTE DI MOLTENI

Grazie al boom economico dei primi anni settanta e la voglia di innovazione e cambiamento dati dai figli del fondatore (Pierino, Lorenzo, Virginio e Gaetano), l’espansione raggiunse proporzioni mai viste. Nel 1972 la denominazione dell’azienda cambiò in “DADA, mobili d’alta cucina“. L’attività si trasferì nei nuovi e moderni capannoni di Mesero (MI), dove si trova tuttora. Lo stile dell’azienda fu trasformato attraverso collaborazioni con designer innovativi fino a diventare un marchio leader nella fascia di cucine di alta gamma ancora ai giorni nostri. Nel 1979, dopo 53 anni di attività, l’azienda fu ceduta dalla famiglia Garavaglia al Gruppo Molteni di cui fa parte ancora oggi.

Dada ha ricevuto segnalazioni e premi internazionali nel corso degli anni, quali la Segnalazione Premio Compasso d’Oro 1987 per il pensile Futura e Segnalazione Premio Compasso d’Oro 2004 per la cucina Nomis.

ELEGANZA E MADE IN ITALY: CUCINE MOLTENI DADA

Molteni Dada, gruppo che ha portato l’italian design nel mondo, con gli anni, si è guadagnata una reputazione di tutto rispetto nell’ambito del design e anzi, è considerata ad oggi un sinonimo di eleganza quando si parla di attendamento e mobilio per le cucine. Ovviamente, il fattore Made in Italy garantisce un determinato prestigio agli occhi di tutto il mondo (si, perché questo marchio, esporta in tutto il mondo…proprio tutto!) ma per noi italiani che siamo “abituati” a un determinato grado di qualità quando si parla del cucinare, non si può dire che siamo poco esigenti.
Ciò nonostante, Molteni Dada ha sempre rispecchiato le aspettative riposte in essa sposando due grandi aspetti fondamentali delle cucine italiane: l’eleganza e la sensazione di casa che solo il focolare domestico può trasmetterti.
In poche parole (e senza favoritismi) Molteni Dada si rivela, anno dopo anno, una garanzia sempre più solida per gli arredi made in Italy delle cucine di lusso.

ARTICOLI CONSIGLIATI
LE FABBRICHE DI CUCINE DI LUSSO DELLA STORIA ITALIANA
Fabbriche di cucine parete in vetro che separa la cucina dal soggiorno penisola che parte da questo muro mobili da cucina a parete compreso di vetrinetta

La cucina, soprattutto per noi italiani, rappresenta quello spazio della casa che viene visto come un focolare

PARLIAMO DI TOP CUCINE
Cucina con piano top in laminato effetto marmo scuro abbinato a colonne a parete effetto legno

In base al materiale puoi definire uno stile, creare commistioni o ridefinire un'estetica. Ma come orientarsi e scegliere il top Read more

PARLIAMO DI CUCINA, ANZI DELLE CUCINE
Cucina medievale con tavolo e panche in legno massello

La cucina come la intendiamo oggi, vede la sua origine negli anni sessanta con il primo modello componibile Cucina E5.