Quando si pensa all’arredamento vintage moderno e più precisamente a quello americano le prime immagini che vengono in mente sono quelle dei locali con banconi cromati coloratissimi, jukebox enormi e divanetti imbottiti con contrasti cromatici folgoranti.

Il design di quegli anni ha influenzato molto l’architettura e l’home decor contemporanei. Artisti e correnti artistiche ne sono stati travolti. Il design come lo intendiamo noi si è sviluppato proprio in quegli anni. I designer sono ispirati sulla progettazione e sullo sviluppo di arredi, complementi ed oggetti di uso comune dal nuovo stile che imperversava, basta pensare all’influenza della pop art di Andy Wharol.

In questi ultimi anni è tornata prepotentemente di moda lo stile american vintage, meglio conosciuto come “american graffiti”. Molte aziende di mobili, complementi ed elettrodomestici infatti hanno sviluppato linee che richiamano lo stile americano anni ’50 e ’60. Tra mercatini dell’usato e online è quindi possibile riuscire ad arredare la propria casa con uno stile di forte impatto ed intramontabile.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DELL’ARREDAMENTO AMERICANO VINTAGE?

LA STORIA DELL’ARREDAMENTO VINTAGE AMERICANO

Lo stile “american vintage” si sviluppa intorno agli anni ’50 ed esplode nella decade successiva. Siamo nel pieno dopoguerra: dove la rinascita economica e la volontà di lasciarsi alle spalle uno dei peggiori periodi che il mondo abbia conosciuto fanno da base ad una richiesta sempre maggiore di spensieratezza. Soprattutto, si fa strada un modo diverso di vedere ed approcciare al mondo. Le maggiori aziende iniziano ad assumere designer che ridisegnino elettrodomestici, mobili, accessori, con forme e colori diversi dalle rigide ed austere linee dei primi del ‘900.

Nascono così gli oggetti di culto che tutti oggi conosciamo. Colori sgargianti, forti contrasti, bombature e forme sinuose prendono il posto del vecchio stile ormai obsoleto. Fanno capolino i primi elettrodomestici e iniziano ad essere utilizzati nuovi materiali che connoteranno molto lo stile americano degli anni ’60, come la plastica e la fibra di vetro.

La produzione inizia ad essere di massa per la forte richiesta. Tutto l’ambito commerciale ne viene travolto. Le grafiche monotone e rigide vengono soppiantate da forme geometriche colorate, come i celebri pavimenti a scacchi o rombi, le carte da parati a pois o con geometrie coloratissime. Il cambiamento in atto è radicale: dall’architettura ai tessuti, dai mobili agli accessori.

L’ARREDAMENTO VINTAGE AMERICANO ENTRA IN CASA

Arredare casa in stile american vintage non è molto semplice perché è uno stile fortemente connotato. Fondamentalmente tutti i pezzi devono essere di modernariato, vintage o fortemente influenzati. Le illuminazioni, i complementi, tutto deve essere in linea, compresi i mobili, i tessuti e i rivestimenti.

Considerando la complessità che lo stile richiede può essere utile arredare parte della casa o solo un ambiente: come per esempio arredare parte della cucina o avere qualche elemento vintage di forte impatto (come un frigorifero o alcuni piccoli elettrodomestici). Con l’aggiunta di qualche pannello pubblicitario d’epoca e soprammobili in stile è possibile ottenere risultati molto soddisfacenti.

In effetti arredare l’intera casa risulterebbe molto costoso. Non per altro spesso si declina in ambito commerciale. Molti locali, diner, barber shop o launderettes sono in stile american vintage: riprendendone pienamente l’immagine di un passato coloratissimo e carico di aspettative.

DIAMO SPAZIO AI CONSIGLI

Se volete arredare casa in stile american vintage avrete bisogno di qualche consiglio.

Innanzitutto pareti, rivestimenti, tessuti (coloratissimi con geometrie azzardate e molto di impatto), cuscini e pouf non devono mancare. Divani e tovaglie con tessuti con le geometrie e i colori come sopra, tappeti con frange e moquette (se ve la sentite), devono essere in linea con uno stile che rompe con la rigidità del passato.

La cura del dettaglio è importante: soprammobili, oggettistica e arredi devono essere rigorosamente selezionati. Devono essere di vetro, plastica, figure morbide e dal design vintage.

Non possono mancare l’illuminazione con lampadine a bulbo e delle lettere luminose di vecchie insegne. Come tocco finale si può mettere qualcosa di forte impatto come un jukebox o un frigo bombato originale.

ARTICOLI CONSIGLIATI
OPENSPACE E STILE INDUSTRIAL, DAGLI ANNI 50 AI GIORNI NOSTRI
Salotto in ambiente stile industrial con scala a chiocciola in metallo e parete in mattoni

Lo stile industrial nasce a New York negli anni '50, quando la necessita di abitazioni e un nuovo modo di Read more

SOGGIORNO MINIMAL MODERNO: COME ARREDARLO?

Il soggiorno minimalista come le altre stanze della casa deve mostrarsi funzionale, nulla è lasciato al caso perché tutto deve Read more

BAGNO MINIMALISTA: COSA VUOL DIRE DAVVERO?
Bagno minimalista con mobili laccati magenta e rubinetto in acciaio e il lavandino è integrato al top

Arredare un bagno seguendo lo stile minimalista è possibile: d'altronde è uno spazio in cui non servono chissà quante cose, Read more