Lavorare da casa soprattutto negli ultimi anni si è rivelato a dir poco fondamentale. Ci siamo ritrovati in una situazione dove non abbiamo avuto scelta. Tutto d’un tratto abbiamo dovuto fare i conti con la realtà. Tra un esaurimento nervoso e l’altro, però, alla fine siamo sopravvissuti. E non solo! Direi che l’abbiamo fatto anche piuttosto bene: usando i mezzi a nostra disposizione e rendendo il più efficiente possibile il nostro lavoro. 

QUALI SONO I MIGLIORI STRUMENTI PER LAVORARE DA CASA?

Cosa ci ha insegnato davvero tutto questo? Abbiamo imparato ad essere flessibili e ad arrangiarci con ciò che avevamo a disposizione. Abbiamo trovato nuove e geniali alternative per sostituire quei mezzi che in ufficio erano quasi scontati ma che in uno studio casalingo improvvisato non lo sono assolutamente.
Gli strumenti per lavorare da casa fondamentali sono: un computer, un buon Wi-Fi, un portapenne e cancelleria varia. Oltre a questo è importantissimo avere un’agenda per organizzare le proprie giornate. Anche in una situazione dove la quotidianità viene completamente a mancare, può dare quello spiraglio di normalità indispensabile da mantenere anche nelle situazioni più ardue. Oltre a ciò, creare un ufficio confortevole dove lavorare o studiare venga spontaneo è una componente principale.

Un altro strumento per lavorare da casa, se così possiamo definirlo, che non deve mancare è la luce. Infatti la luminosità del proprio ambiente di lavoro è molto importante e deve essere tale da non affaticare lo sguardo. 

Altri elementi utili a creare uno spazio confortevole possono essere soprammobili o piante che creino serenità, una sedia comoda, una scrivania abbastanza spaziosa e in linea con i colori della stanza e per finire tanta ma tanta voglia di fare.

STRUMENTI PER LAVORARE DA CASA: QUANTI SONO?

PICCOLE ACCORTEZZE, GRANDI COMFORT

Ci sono poi delle “chicche“ per completare l’arredamento di un ufficio moderno, in questo caso casa tua, che possono rendere lo studio o il lavoro incredibilmente più facile e comodo. Vediamo ora i 10 strumenti per lavorare da casa alternativi e più inusuali ma efficienti proposti dal mercato:

  1. L’organizzatore dei carica batteria: trovarsi con un groviglio di prese e cavi, non è mai comodo, innanzitutto da una sensazione di disordine a dir poco fastidiosa ed è frustrante cercare il caricabatterie giusto tra tutto quel gomitolo disordinato.
  2. Il poggia piedi: può sembrare scontato ma la postura è a dir poco fondamentale. Lavorare in una posizione scomoda, oltre ad essere poco salutare, tende anche a stancarci prima, a renderci il lavoro più pesante e snervante. Di conseguenza trovare la postura più congrua e comoda per noi può cambiare radicalmente il nostro approccio alla scrivania.
  3. Una bacheca: che può avere l’utilità che più preferite. La sua funzione più produttiva viene raggiunta nel momento in cui diventa un vero e proprio “brain dump” si tratta di una tecnica utilizzata principalmente nel journaling e nel marketing che serve letteralmente a buttare su carta tutto quello che passa per la testa, con il fine di fare poi chiarezza e trovare un obiettivo specifico.
  4. Un buon antistress: può sembrare banale ma nei momenti nei quali abbiamo bisogno di concentrarci molto, lo stress è una componente che, chi più chi meno, sperimenta. In questi casi per evitare di mollare tutto e prenderci una pausa (che è sempre più lunga del dovuto) un buon antistress, che tenga impegnato quella parte del cervello dedita al nervosismo, può evitarci innanzitutto molto tempo sprecato e rilassarci quel tanto che basta per continuare le nostre mansioni.
  5. Cuffie insonorizzate: sappiamo benissimo quanto una casa, soprattutto se presenti dei bambini, possa risultare rumorosa. Per evitare di distrarci è necessario prendere delle misure straordinarie che però nel lungo periodo possono davvero fare la differenza.
  6. Una lampada con base fissa con tronco mobile che possa illuminare a qualsiasi ora del giorno lo spazio di lavoro con un semplice movimento.
  7. Un orologio digitale.
  8. Un portapenne che possa contenere tutto ciò che ci serve: cancelleria, post-it, note e qualunque cosa ci sia necessaria senza doversi alzare dalla sedia.
  9. Uno schermo aggiuntivo, in modo da poter lavorare contemporaneamente in più postazioni diverse.
  10. Uno specchio: questa è un’opzione molto personale, ma come ci sono persone a cui potrebbe distrarre, ce ne sono altre che potrebbero apprezzare molto l’effetto estetico che dà allo spazio, rendendolo più luminoso e ampliandolo.

Alla fine dei conti, ognuno deve sfruttare i propri tratti personali per rendere uno spazio unico e sentirlo suo al 100%. Diciamo che questi gadget possono aiutare, ma oltre ad essi è necessario una grande concentrazione e una forte determinazione.

ARTICOLI CONSIGLIATI
COME ARREDARE L’UFFICIO: COSA C’È DA SAPERE
Arredamento per l'ufficio con tavolo riunioni e scrivania

Rispondere alla domanda come arredare l'ufficio non è cosa semplice. Bisogna prima di tutto avere bene a mente l'immagine aziendale Read more

SOGGIORNO MINIMAL MODERNO: COME ARREDARLO?

Il soggiorno minimalista come le altre stanze della casa deve mostrarsi funzionale, nulla è lasciato al caso perché tutto deve Read more

BAGNO MINIMALISTA: COSA VUOL DIRE DAVVERO?
Bagno minimalista con mobili laccati magenta e rubinetto in acciaio e il lavandino è integrato al top

Arredare un bagno seguendo lo stile minimalista è possibile: d'altronde è uno spazio in cui non servono chissà quante cose, Read more